Archivi tag: amicizia

stefania_andrea_anteprimizie023

Stefania + Andrea, the WedParty

Il 13 luglio Stefania ed Andrea si sposano.

Stefania definisce Andrea la sua metà divertente. Si conoscono da 10 anni ed il giorno del loro matrimonio era il 10 anniversario del loro primo bacio.
E’ stata la mia migliore amica di Stefania a presentargli Andrea. Un’amica carissima con la quale si conosce dai tempi dell’asilo e lei è stata anche la celebrante del loro matrimonio.

Stefania è un’amante di Keith Haring, ha anche una sua opera tatuata sulla pelle, così hanno trovato signifivativo utilizzare un suo quadro anche per la partecipazione e per la torta, una deliziosissima red velvet.

Quella domenica il tempo era incerto, non sapevano se allestire fuori o dentro, desideravano sposarsi in giardino ma temevano la pioggia. Nell’indecisione hanno lasciato la scelta al destino, estraendo un bigliettino! Il fato ha voluto che estraessero la soluzione in giardino e così si sono sposati davanti ad un bellissimo tempio indiano nella villa la Valera ad Arese, Milano e il tempo li ha graziati!

Al posto della marcia nuziale, che proprio non si addice al loro amore, hanno optato per la canzone di Vasco che racchiude tutta la magia del nostro amore: “E…” facendo piangere tutti! Stefania si è trovata da subito in una valle di lacrime.

E’ stato come lo desideravano loro, circondati dai loro amici di una vita, la famiglia che si sono scelti scelti e che amano come se fosse la loro, di sangue. Erano presenti anche i loro tatuatori di fiducia che si sono messi a disposizione per tatuare – proprio i tatuaggi veri – noi, ma anche tutti gli invitati. Morale: si sono tatuati in tantissimi, compresi la mamma e il papà di Stefania e per qualcuno era addirittura la prima volta. Continua a leggere

Motif Lab 2

Un evento Unconventional: Swappy Hour!

Care tutte,

non torno per proporvi un matrimonio ma per mostravi le foto di un’iniziativa svoltasi a Milano il 14 giugno, lo Swappy Hour, presso Motif Design. E’ andata bene, anzi a detta di molte è stato un evento speciale, non solo perché c’è chi è tornata a casa con delle Manolo Blahnik praticamente nuove o delle Camper (quest’ultima sono io, sapete sono una donna pratica) ma perché si è creato nuovamente quel clima di scambio e condivisione caro alle iniziative dell’Officina non Convenzionale, associazione di cui faccio parte e di cui sono presidente, associazione, mi piace ripetermi, nata da questo blog. Già questo mi sembra incredibile! Un blog che fa muovere le persone, le indirizza alla condivisione, al sostegno, allo scambio… a valori apparentemente non convenzionali. Mission: la rivoluzione di valori, divertendoci.

Continua a leggere

copertina swappy

Swappy Hour, Milano 14 giugno ore 17.00

Care amiche, dove sono finita? Mi sono persa tra i codici di questo nuovo sito, il mio lavoro e l’organizzazione di questo Swappy Hour. Se avete voglia di incontrarmi e siete dalle parti di Milano, sto organizzando insieme allo staff dell’Unconventional Happening (ovvero l’associazione Officina Non convenzionale) ed a Motif design che ci ospiterà nel suo spazio, (da noi soprannominate le Ragazze di Lambrate) uno Swappy Hour. Un momento di scambio a 360 gradi.

Intanto segnati in agenda questo appuntamento:

Swappy Hour, da Motif, dalle 17.00 alle 21.00 in Via Valvassori Peroni 78, Metro Lambrate.

istruzioni

Cos’è lo Swappy Hour? Hai presente il cambio di stagione? E’ da sempre un momento snervante e noioso, da affrontare durante un fine settimana piovoso, in cui in pochi minuti devi decidere se disfarti di qualche vestito che non entra più o che ti piace ma che sai in cuor tuo, perché lo sai, non metterai mai più perché fa parte di un’altra era ma allo stesso tempo non lo vuoi buttare. Perché non offrirgli una nuova vita? Portali a noi! Portali allo Swappy Hour. Continua a leggere

addio nubilato

Addio al nubilato non convenzionale – Grease Style

In una calda giornata di settembre, Spose non Convenzionali e Tuba – Bazar dei desideri, hanno organizzato un addio al nubilato non convenzionale in stile Grease. Il gruppo di amiche che veniva da Monterotondo (RM) era coordinato da Chiara, la sorella della sposa che ha ottimamente interpretato Danny Zuko. I vestiti sono stati acquistati tutti su Ebay, sia la giacca di pelle di John Travolta (di tante taglie in più della nostra indossatrice), sia i vestiti a pois dai colori sgargianti.  Pamela, la futura sposa, ovviamente, era all’oscuro di tutto.

Il servizio si è svolto nel quartiere del Pigneto. Le foto sono di Sirio Tessitore di Grazioli foto.

Continua a leggere

Viviana + Fabio Oi! 1

Viviana + Fabio, un matrimonio Oi! Oi! Oi!

Fabio e Viviana si conoscono da molti anni, vivono entrambi nello stesso piccolo paese ed in comune hanno diverse passioni tra le quali l’antagonismo antifascista – Fabio è uno skinhead rosso – la musica punk-rock/Oi! e soprattutto la visione anarchica della vita. Questi interessi hanno fatto sì che che pur non essendo fidanzati, frequentassero la stessa gente e soprattutto gli stessi posti.

Viviana, alcuni anni fa gestiva un locale in cui il sabato organizzava l’aperitivo con musica live. Fu proprio così che si avvicinarono e iniziò l’amore: chiamò un gruppo di suoi amici che suonavano musica Oi! e c’era anche Fabio. A partire da quel concerto non si sono più lasciati!

♥♥♥

Viviana e Fabio si sposano il 3 agosto 2013 ad Omegna (VB) Viviana + Fabio Oi! 1

Continua a leggere

rapimento Brina

Quello che non ti dicono

Mi sembra che in questo periodi di crisi ci siano consigli per tutto e per tutti. Leggo liste motivazionali e comandamenti su come avere successo nel matrimonio e nel lavoro, come essere presente con i tuoi figli pur svolgendo due lavori, come essere felice, magra e popolare.

Io voglio avere il diritto di essere esaurita, di litigare con mio marito, di mangiarmi la pizza con la nutella e poi i tacos con il guacamole cinque minuti dopo, di sbagliare nel mio lavoro e avere una crisi di pianto che mi fa colare tutto l’eyeliner mentre guido, mi si appanna la vista e devo correre a casa per chiudermi nella cabina armadio, la stanza della compensazione. Voglio avere il diritto di pensare che un altro figlio, anche no, perché sono già affettivamente completa così (la stessa frase vale anche anzi soprattutto per tutte coloro che non hanno figli).

Quello che non ti dicono: il lato oscuro della vita. Continua a leggere

194874_10151728091468394_2136614026_o

Il discorso della testimone

Ho fatto per la prima volta da testimone. E’ successo sabato 13 luglio 2013 per il matrimonio di Brina e Sciuscià. Barbara – Barbarina, Brina, ma per me è solo Barbara – è la mia amica del cuore, Sciuscià è l’uomo giusto per lei, quindi sia per proprietà transitiva ma soprattutto per sue caratteristiche personali, è una persona fantastica da millantare tra le proprie amicizie. Posso affermare con orgoglio di essere amica di Brina e Sciuscià.

69222_10151710995483118_209954307_n

La sposa ed io nell’unica foto che abbiamo insieme, nel bagno, prima che tutto avesse inizio

Continua a leggere

cropped-logo-hangar3

Nuova proposta di addio al nubilato non convenzionale. La vera amicizia è per sempre

Abbiamo aggiunto un’altra proposta ai nostri addii al nubilato non convenzionali. Siamo pazze, lo sappiamo. Ma sappiamo che voi che ci leggete, lo siete altrettanto. Questa nuova proposta si inscrive nel grande progetto di collaborazione di Tuba (la libreria e il bazar erotico delle donne) e Spose non Convenzionali. Come noterete, dall’inizio di questo progetto promuoviamo il lavoro delle donne, per le donne. così come promuoviamo i valori dell’amicizia e della solidarietà tra donne. Questa proposta ne è un ulteriore simbolo.

Continua a leggere

Addio al nubilato non convenzionale - Shoot Fotografico - Pin-klò

Consigli per l’organizzatrice di un addio al nubilato

Il rischio di oggi è che utilizzi questo blog come sfogatoio. Invece farò dell’esperienza una virtù e vi darò un cospicuo numero di consigli sull’organizzazione di un addio al nubilato, che se fosse non convenzionale sarebbe anche meglio. Posso vantare una discreta esperienza su questo argomento perché mi ritrovo sia ad organizzarne uno in quanto ho l’onore di essere la testimone di una sposa, sia perché ho letto e leggo le centinaia di mail che arrivano a sposenonconvenzionali@gmail.com e ad agenziadeidesideri@gmail.com accumunate per la maggior parte da toni esasperati e drammatici per come sta procedendo l’organizzazione ma soprattutto tutte con difficoltà di mediazione per un comune accordo. Ad oggi, capisco perché siano così disperate sebbene l’avessi percepito già in altre occasioni in cui ero solo una spettatrice.

I consigli sono sia per organizzatrici che per coloro che partecipano alla mailing list. Piccole regole di organizzazione e buone pratiche.

Addio al nubilato non convenzionale - servizio fotografico, photo by pin-klò
Addio al nubilato non convenzionale – servizio fotografico, photo by pin-klò

Continua a leggere

Valeria Pissi e Tigro

Il mio posto è qui

Sono atterrata da qualche ora da un viaggio che pianificavo da dicembre: tre giorni ad Disneyland e tre a Parigi con marito e figlia. Avevo pianificato dettagli lasciando però spazio ai cambiamenti repentini dei nostri umori, avevamo scongiurato malanni e virus che avrebbero impossibilitato la nostra partenza e mi sono lasciata alle spalle preoccupazioni e impegni della quotidianità. Quando siamo partiti, tutti emozionati, sulla scia di quello che stava succedendo in Italia, avevamo previsto un ritorno triste dato dalla constatazione che lì fuori funziona sempre tutto meglio e che l’erba del vicino è sempre più verde.

bistrot

Ecco, vi dico che dopo giorni di evasione nel parco della magia, dove mi ritrovavo a piangere, sì a piangere, pure se impazzivano di gioia ed eccitazione i figli dei crucchi che stavano in fila davanti a noi, altrettante ore nella ville lumière, densa di cultura, arte, avanguardia… ecco, vi dico, il mio posto è qui e il mio tempo è oggi. E’ oggi il tempo di fare qualcosa, non è domani, non devo lasciarlo fare agli altri e alle altre.

Il mio posto è qui, non solo qui dove sono seduta adesso, nella mia scrivania da dove vi scrivo, rispondo alle mail, alle telefonate del mio lavoro, è qui il mio posto perché da qui abbraccio i miei amici, ritrovo la mia famiglia, respiro l’aria della mia piccola casetta e vengo baciata da un sole primaverile già di 31 gradi e mezzo. E’ qui, nella mia città, in questo paese (che però per punizione continuo a lasciare con la p minuscola) perché qui mi sento viva e appassionata.

Se ho quindi bucato il 25 aprile che stavo facendo tutt’altro, vi auguro, con qualche giorno di anticipo, di vivere un glorioso 1 maggio augurando a tutti e tutte di avere prima di tutto un lavoro che vi faccia vivere dignitosamente, vi faccia alzare la mattina e che vi faccia stare bene. Ognuno e ognuna per dei motivi differenti e pertinenti alle proprie aspettative personali e soggettive, si lavora per motivi diversi, ma mi auguro che si possa lavorare anche per la realizzazione di un futuro migliore di tutti e di tutte.